Superare tradimento

È possibile superare un tradimento? L’ansia mi sta divorando…

Buongiorno,
Ho da poco scoperto che mio marito mi tradiva.

Stiamo insieme da quando avevamo 18 anni e 2 anni fa ci siamo sposati. Ad ottobre scorso ho scoperto un flirt con la sua collega, dico flirt perché così lo definiva lui, ma in realtà bagno al mare dopo il lavoro, aperitivo al tramonto, tornare a casa molto tardi e soprattutto i messaggi  facevano pensare a ben altro. Liti su liti e promesse e ritorna il sereno, se pur con fatica.

Fino a metà maggio. Scopro uno scambio di regalini sexy (che lui mi dice risalenti ad ottobre) e soprattutto che sono amici e “io ci tengo tanto a lei, ma come amica”. La cosa mi turba molto e da allora inizia il mio stato di ansia. Lui mi giura che non c’è nulla anche perchè lei è incinta all’8 mese.

Tempo una settimana e scopro che lui chatta di nascosto con lei, con il telefono aziendale e con il nome accuratamente occultato. Si dicevano “ti amo” e “ho voglia di te”. Lo cacciai immediatamente di casa. Poi contattai il marito di lei: erano separati in casa da due mesi, perché lei aveva confessato di amare mio marito.

Mi sono però accertata che il figlio non fosse suo. Dopo una settimana di distanza lui mi contatta per fare mea culpa, in lacrime, si era trovato in una situazione insolita, era in crisi perchè credeva di essersi innamorato di lei, non c’è mai stato sesso ma solo un bacio.

Il rapporto si era intensificato durante la quarantena, quando erano distanti e si mancavano l’un l’altra.  Lui si sentiva in una bolla, ma con la mia “cacciata di casa”; la bolla si era scoppiata, si era sentito liberato, sicuro di amare me è di voler stare solo con me.

Mi ha giurato di non sentirla più (lei partorisce a fine mese e a lavoro non va più). La mia ansia è quella di un ritorno di fiamma quando lei riprenderà servizio, a ciò si aggiunge il fatto che mi sento offesa e umiliata, mi chiedo come possa avermi potuta riempire di bugie per 8 mesi senza mai sentirsi in colpa.

Continuo a cercare conferme, a controllare gli accessi di lui e lei su Whatsapp, a scoprire nuovi particolari e a rinfacciarli, l’ansia mi divora e mi sento in continua competizione con lei. Mi chiedo se tutto ciò potrò mai superarlo.


Hai bisogno di aiuto? Chedi ai nostri psicologi online


1 Commento
  • Alice Carella
    Pubblicato alle 17:19h, 06 Luglio

    Salve Signora,
    innanzitutto mi viene da dirle che, dopo un tradimento che, a livello psicologico non è solo un attacco alla coppia ma soprattutto alla persona tradita, lei avrebbe diritto e forse dovere, a prendersi un momento in cui riflettere e lavorare su sé stessa. Il tradimento può essere un vero e proprio trauma. Può essere superato ma ogni individuo è a sé e ha le sue risorse. Spesso le persone tradite chiedono aiuto ad uno specialista che le aiuti a superare il trauma ma può anche succedere che una persona capisca che, al di là del sentimento, non riesce a superare l’idea di essere stata tradita. Ogni decisione, ogni sentimento va rispettato. Potrebbe provare con una terapia di coppia: coinvolgere suo marito potrebbe essere l’occasione per ritrovare nuovi significati all’interno della coppia e superare insieme questa esperienza negativa.

    Un caro saluto,

    Dott.ssa Alice Carella

Pubblica un commento